Se c'è qualcosa che unisce i giocatori di poker, è l'odio generale per i truffatori. In qualche modo, nel nostro strano mondo di bluff, trappole e inganni, l'onore e l'integrità rimangono in ogni caso fondamentali.

Non ci lamenteremmo mai, se un avversario prendesse il nostro ultimo centesimo, purché, badate bene, lo facesse secondo le regole!

La mano che ha scosso il mondo del poker

Robbi Jade Lew ha barato?

L'anomalia della restituzione e le dichiarazioni della Lew

Anche con il massimo successo ai tavoli, sei considerato quanto lo è la tua reputazione. Il minimo difetto morale può essere interpretato alla stregua di quello che abbiamo definito un errore irrecuperabile!

Guarda, ad esempio, gli atteggiamenti nei confronti di coloro che sono coinvolti in quello che è conosciuto come lo scandalo del poker FullTilt. Sono passati più di due lustri e sono ancora sotto gli occhi di tutti ogni volta che entrano in una sala.

Negli ultimi anni si sono verificati diversi sospetti scandali di frode. Abbiamo avuto di tutto, da questioni etiche come il "gioco vocale" di Kassouf al presunto gioco morbido di Bicknell. Poi ci sono state accuse di frode più gravi come quelle della vera e propria saga di Mike Postle un paio di anni fa. 

La mano che ha scosso il mondo del poker

Non siamo ancora stati in grado di "condannare" in terzo grado nessun colpevole. Ma i giocatori di poker amano lo scandalo. Sembra che le accuse di frode siano diventate le telenovelas di successo del mondo del poker.

  • Sussurra semplicemente la parola "cheat" e i leoni della tastiera salteranno fuori da tutte le parti.
  • Joey Ingram interpreta il detective.
  • I social media esplodono più velocemente di un pallone difettoso dopo un contrasto rude in una partita di calcio.

Di recente, le cose sono iniziate online, di nuovo. L'ultima saga riguarda una bizzarra mano in diretta televisiva in cui Robbi Jade Lew ha chiamato dal suo stack con jack-high.

Questa chiamata ha lasciato il mondo del poker incredulo. Era la lettura del secolo o un palese imbroglio?

Guarda la mano come è stata giocata:

Risulta decisamente preoccupante quanto velocemente le persone abbiano iniziato a lanciare accuse così gravi. Sebbene la mano sia indubbiamente strana, al momento non ci sono prove che stesse barando.

Quindi, è un po' ingiusto saltare a conclusioni così serie senza prove tangibili. Potrebbero esserci alcuni argomenti convincenti (e creativi) per l'inganno di Robbi. Ma sono tutti basati su opinioni e speculazioni.

Molti la condanneranno ancora come colpevole, anche in assenza di prove. Ma questi "scandali" danneggiano la più ampia reputazione del poker.

Normalizzare questo tipo di risposta istintiva, quasi di stomaco, non rappresenta certamente il migliore interesse per i soggetti coinvolti e per il movimento in generale.

Robbi stava barando o no?

Se sospetti un gioco scorretto, di solito è meglio tenere d'occhio il potenziale imbroglione, raccogliere più prove e costruire un caso davvero solido contro di lui. Come abbiamo visto con l'esempio di Postle, è già abbastanza difficile trarre conclusioni con mesi di "prove" televisive.

Nel caso specifico, dal momento che abbiamo solo poche sessioni di Robbi da valutare, sarà quasi impossibile costruire un caso forte contro di lei.

A parte tutto, le accuse di alto profilo che circolano rendono molto meno probabile che Lew continui a imbrogliare. Ammesso e non concesso, naturalmente, che lo stesse facendo...

Allora perché la gente pensa che stesse barando?
Sembra che ci siano tre argomenti principali per sostenere questa tesi:

  1. Il modo in cui ha giocato la mano sembra non avere spiegazioni.
  2. Non è in grado di spiegare le sue azioni.
  3. Restituire i soldi sembra un'ammissione di colpa.

Senza dubbio, la cosa più sospetta della mano è il turn call. Avendo fluttuato il flop, Lew è in fondo al suo range ed è in una posizione davvero pessima anche contro gran parte del range di bluff di Garrett.

Ha un valore di resa dei conti minimo. Da una prospettiva strategica, se sta chiamando questa mano, raramente la vincerà.

L'idea che qualsiasi giocatore chiamerebbe in questa situazione non sembra decisamente un argomento valido.
Ci sono solo un paio di possibili ragioni per spiegare che un giocatore che non sta barando, chiama qui:

Una lettura sbagliata?

La prima è che ha interpretato male la sua mano, piuttosto negligente, ma succede nelle migliori famiglie, come diceva il mio Professore al Liceo. Robbi ha affermato di credere di avere J3,#. Un paio di 3 le avrebbero dato un valore molto migliore rispetto a jack e 4 offsuit.

Una lettura errata spiegherebbe anche il gioco, ma Lew ha passato un bel po' a guardare la sua mano prima di chiamare, quindi è piuttosto improbabile.

Detto questo, sono riluttante a escluderlo completamente. Ho guardato le mie carte senza registrare personalmente cosa c'era su di loro. Stavo solo pensando alla decisione davanti a me.

Una lettura errata è improbabile ma non del tutto impossibile. Soprattutto perché Robbi afferma di aver pensato che Garrett avesse un asso.

Ha imbrogliato?

Per quanto riguarda il fatto che conoscesse le carte di Garrett, ancora una volta piuttosto improbabile. Oltre a essere un dealer tra di loro, sarebbe meno probabile che rilanciasse al turn se conoscesse l'esatta mano di Garrett. 

Il suo rilancio gli avrebbe permesso di spingere con molta equity.

Quindi, se non ha visto le carte di Garrett, come stava barando? Una teoria popolare è incentrata sull'uso di un qualche tipo di strumento vibrante. Molti affermano di poter vedere la sua sedia o il prezioso che tremano nei video.

Sebbene gli imbroglioni abbiano utilizzato sistemi di vibrazione per molto tempo, la premessa si basa sull'essere sottili e poco appariscenti.
Vibrazioni abbastanza forti da muovere una sedia sarebbero una contraddizione diretta del genere del ladro che fa rumore...

Ciò li renderebbe inutili e probabilmente visibili agli altri giocatori al tavolo.

I dispositivi vibranti sono piuttosto semplicistici. I teorici della cospirazione suggeriscono che Robbi avesse un complice che poteva vedere le carte degli altri giocatori. Avrebbero usato il dispositivo per indicare se aveva o meno la mano migliore.

Sebbene non ci siano ancora prove che l'integrità dello spettacolo sia stata compromessa, un paio di anni fa c'era un'idea simile alla base dello scandalo Postle.

Come il viaggio nel tempo, l'affermazione della vibrazione ha senso in teoria. Ma non ci sono prove che un dispositivo sia stato utilizzato qui, ed evidenziamo come Robbi indossasse abiti attillati.
Inoltre, qualsiasi complice dovrebbe essere piuttosto stupido per pensare che valga la pena insistere in questa situazione. È ad alto rischio finanziario e attirerebbe troppa attenzione.

Perché imbrogliare in questa mano?

Realisticamente un imbroglio andrebbe in due direzioni:

  1. Esagera e gioca perfettamente (proprio come sembrava fare Postle).
  2. Oppure usa il loro vantaggio con parsimonia per evitare di attirare attenzioni indesiderate.

Robbi sembra non essere in grado di fare né l'uno né l'altro. Nel piccolo campione di mani di poker che abbiamo, ha fatto call perdenti in punti in cui foldare sarebbe stato abbastanza ragionevole.

Nel complesso, il suo gioco generale è tutt'altro che perfetto e molto lontano da quello che abbiamo visto con Postle.

Il gioco imperfetto di Robbi ha portato molte persone a sostenere che lei e il suo presunto complice hanno preso deliberatamente decisioni sbagliate. Stavano consapevolmente tentando di salvare qualsiasi imbroglio.

Ma questa affermazione diretta contraddice l'accusa originaria. Un imbroglione attento vorrebbe sicuramente evitare l'attenzione che deriva dal chiamare il proprio stack con con in mano carta alta al Jack", giusto?

Se stesse cercando di rendere le cose credibili, non vorrebbe anche rendere più realistiche le vincite?

Sebbene la chiamata sia bizzarra, le accuse di frode sono state alimentate anche da ciò che è accaduto dopo che la mano è avvenuta.

Il rimborso

La prima stranezza si verifica quando Robbi restituisce a Garrett i suoi soldi a telecamere spente. Molti l'hanno interpretato come una sorta di ammissione di colpa per aver barato. Ma in primo luogo ci vuole una pessima indole morale per imbrogliare. Quindi, sembra contraddittorio aspettarsi che un imbroglione abbia la coscienza di restituire i soldi.

Non conosciamo nemmeno il contesto del rimborso:

  • Forse era costretta o sconvolta nel vedere quanto fosse angosciato Garrett.
  • Forse è innocente e credeva che la restituzione avrebbe dimostrato che non stava barando.
  • Forse, Robbi si è sentita in colpa o imbarazzata dopo che le è stato detto quanto fosse poco intelligente la sua chiamata.
  • O forse è solo un'ipocrita che cerca di mettere in ghiaccio la situazione per evitare di essere beccata.

In questa fase, nessuno lo sa e lo può sostenere con certezza.

È impossibile capire le azioni di Robbi senza sapere molto della sua personalità e delle ragioni per cui gioca. Un giocatore professionista raramente restituirebbe i soldi in questo punto.

Ma Robbi è inesperta. Quindi, non possiamo necessariamente aspettarci che pensi come una professionista esperta.

I commenti di Robbi

Dopo la chiamata, Robbi affronta le critiche e condivide la sua interpretazione per giustificare la scelta. Coloro che accusano Robbi di barare suggeriscono che la sua incapacità di spiegare in modo analitico la sua decisione rafforzi notevolmente il fatto che una terza parte le stava dicendo cosa fare.

In assenza di prove oggettive, le parole di Robbi, però, potrebbero anche essere quelle di un giocatore agitato ed inesperto. Ha fatto una call testarda, giustificata da concetti che non capiva o non applicava alla regola.

Molte persone faticano a vedere come la chiamata possa essere legittima poiché è veramente no sense, da una prospettiva strategica. Ma Robbi non è una giocatrice professionista, quindi non possiamo aspettarci che pensi o giochi come tale.

Mr Beast ha recentemente mandato in onda mani altrettanto pessime in altri dirette streaming e nessuno ha detto nulla e lo stesso vale per i vloggers più famosi. Anche se è una chiamata pazzesca, Robbi era e resta una dilettante.

Chiamare un dilettante un'imbrogliona perché ha fatto un gioco da dilettante è come chiamare il tuo gatto, un cane perché fa le fusa.

A cosa stava pensando?

I suoi commenti maldestri mancano di una reale coesione strategica. Ma Robbi si era convinta che Garrett stesse bluffando. La sua mano perde comunque contro molti dei suoi bluff.

Ma ha ignorato la possibilità che Garrett potesse avere uno dei pochi bluff che poteva battere (come 67, 68 e 86).

Il famoso professionista nello specchietto!

Questo gioco è in gran parte dovuto alla dinamica tra Garrett e Robbie. Sebbene Garrett sembri piuttosto neutrale, molte delle decisioni di Robbi contro di lui suggeriscono che lei volesse batterlo. Questa situazione si verifica spesso quando i dilettanti si imbattono in giocatori famosi.

Dal momento che Garrett è un ragazzo copertina del gioco, potrebbe essere un fattore determinante nella sua decisione di chiamare.

Quando raccoglie il piatto, sembra soddisfatta e compiaciuta. Solo quando la sua chiamata affronta le critiche, inizia a farsi prendere dal panico. La sua mezza giustificazione per la chiamata era così scarsa che non ha resistito alle critiche dei giocatori migliori.

Di conseguenza, è riluttante ad ammettere di aver fatto una brutta scelta e inizia a scavare in un buco più profondo.

Batti il ​​professionista!

È chiaro dai suoi commenti che è ipercompetitiva. Le importava più di battere Garrett che di soldi. Questo fatto spiega anche la sua chiamata, la sua disponibilità a restituire i soldi e perché da allora lo ha sfidato a giocare heads-up.

Vedi questo tipo di ego molto più spesso che barare ai tavoli. Quindi, è meno probabile che la chiamata derivi da uno scandalo, ma più un'indicazione di una chiamata da... pazzarella!!!

È chiaro da quanto tempo impiega con semplici decisioni altrove che odia foldare (come facciamo tutti!). Ha chiamato sperando di essere in vantaggio piuttosto che perché pensava di esserlo.

Sapeva che sarebbe rimasta indietro il più delle volte. Ma sembra che fosse troppo attratta dai pensieri di avere la meglio che del resto non le importasse un tuno.

Questo tipo di folli chiamate si verificano di tanto in tanto.

La chiamata di Robbi non è una prova di barare, ma il risultato di un giocatore amatoriale che fa, appunto, quello che fanno i giocatori ricreativi.
 

Sull'autore
Di

Dan O'Callaghan ha conosciuto il poker ai tempi dell'università a Newcastle ed è pro da diversi anni. Noto online con il nomignolo danshreddies, ha vinto sia in tornei live sia virtuali, raggiungendo il bubble al WSOP Main Event. Finora ha raccolto oltre $120K in tornei dal vivo e oltre $750K online giocando a MTTS e cash games. 

Dan si descrive come 'un tipo un po' strano' e un grande ottimista ed è un apprezzato autore di articoli per la poker community. Oltre a ciò è anche altissimo!