Una buona parte della mia carriera universitaria l'ho dedicata allo studio del linguaggio e della cifra artistica, cinematografica. Mi sono molto divertito e mi ha aperto gli occhi su alcune delle criticità più sottili dell'industria che potremmo anche definire dell'entertainment.

Nel mio test preferito "An Introduction to Film Studies", la premessa di tutto è stata: quando si tratta di film, molte delle componenti più importanti sono spesso tra le più  trascurate.

La maggior parte delle persone ha imparato ad apprezzare l'importanza delle luci, del casting, della musica, ecc. Ma in troppi dimenticano che i film sono principalmente una fonte di relax, divertimento e intrattenimento.

Rendere credibili i film sul poker

Rounders - Il giocatore

Casino Royale

Il confronto fra i due film

Soprattutto, un buon film deve essere diretto e semplice da guardare.

Un senso di aspettativa inconscia ci permette di relazionarci ai film. Consente a una trama appena decente addirittura di commuoverci o intrigarci emotivamente. È semplicemente quello che può definirsi un potente istinto umano.

È particolarmente toccante tra i giocatori di poker, che sviluppano un accresciuto "senso di ragno" di Peter Parker memoria, ai tavoli.

Se un film colpisce nel segno, non abbiamo problemi a perderci in mondi stravaganti di draghi, troni, magia e fantasia. Neanche per i rispettivi... prequel!

I film più facili da guardare sono in genere quelli più difficili da realizzare.

Rendere credibili e semplici i film sul poker

Pensa a un sogno che hai fatto.

Potresti essere in grado di dirmi l'essenza di quello che è successo abbastanza facilmente. Probabilmente faresti fatica a descrivere dettagli specifici o a ricordare piccole complessità.

Ma replicare questi dettagli è esattamente ciò che i team di produzione devono fare per dare vita ai semplici sogni di uno sceneggiatore. 

Il sipario di un cinema

Realizzare un film di poker di successo può essere quasi impossibile. La complessità del poker rende difficile creare scene che siano allo stesso tempo abbastanza autentiche da essere credibili e abbastanza semplici da essere comprese dal profano.

Stranamente, i film sul poker non sono scritti per i giocatori di poker. Se ci pensi, perché dovrebbero esserlo?

I film sono girati per incassare ai botteghini! Questo fatto si basa sul catering per un pubblico il più vasto possibile.

  • Un film di poker divertente richiede una certa comprensione del poker.
  • La realtà è che non raggiungerai molte persone realizzando un film che attiri solo i giocatori di poker professionisti o semi.


Trovare un equilibrio tra una target di pubblico diversificato è una delle maggiori sfide che i registi e produttori associati di film di poker devono mettere in conto:

  • Se la trama è troppo semplice, il film non avrà una sua dignità artistica, sarà noioso e prevedibile e. probabilmente, nessuno lo guarderà.
  • Renderlo, invece, troppo autentico, magari carico di citazioni e tutti quelli che non sono giocatori di poker pro faranno fatica a seguirne la trama.

È un vero e proprio enigma per uno show runner che si avvicini ad un film sul poker:

"Come puoi educare un pubblico più generalista a un livello in cui possa comprendere e apprezzare appieno un film di poker autentico, senza farlo sentire del tutto impreparato sulle dinamiche del gioco?"

Un tavolo di giocatori esperti

Il giocatore: un classico del poker

Rounders che noi conosciamo con il titolo "Il giocatore" è chiaramente definibile come un film sul poker.

Quindi, è giusto presumere che almeno alcuni dei suoi spettatori avranno una sottovalutazione del poker (dal momento che hanno scelto di guardarlo). 

Rounders è un po' più avanzato nei suoi tutorial sul poker rispetto ad altri film, come Casino Royale (per ragioni che vedremo più avanti).

Detto questo, il cast stellare con Damon, Norton, Malkovich e John Turturro costituisce da solo una garanzia come fascino di massa. Quindi, il regista, John Dahl, appassionato di poker che dirigerà più avanti le riprese anche della pellicola più tecnica "All in: the poker movie" doveva ancora sviluppare uno story telling adeguato per soddisfare un pubblico diversificato.

  • Un modo in cui Rounders prova a fare questo è avvalendosi dei dealer e del personale di sala. Queste figure sono, come ben sappiamo, una parte obbligatoria di qualsiasi poker room.
  • La loro presenza per annunciare l'azione consente alle persone che hanno familiarità con il gioco di essere al passo con le dinamiche.
  • Aggiunge anche un ulteriore livello di autenticità, motivo per cui è un approccio utilizzato dalla maggior parte degli altri film sul poker.

È un'ottima peculiarità del film pubblicato nelle sale nel 1998; ma uno strumento educativo ancora più impressionante di Rounders deriva dalla sua struttura.

A differenza di molti altri film sul poker, Il giocatore utilizza sia la prospettiva in prima che quella in terza persona. Questo angolo è più efficace quando si tratta di coinvolgere il pubblico. Ci permette di scavare nella mentalità del protagonista che è molto più affascinante e sottile di una normale voce fuori campo.

La prima mano ne è il miglior esempio. Riceviamo informazioni sui giocatori, le regole e la posta in gioco. Il film condivide informazioni con il gergo del poker fin dall'inizio.

Questo assalto di norme tecniche ha, però, due seri potenziali svantaggi:
1. In primo luogo, potrebbe scoraggiare da subito i neofiti del poker tra il pubblico, facendoli perdere il conto dell'azione o spegnersi completamente.

2. In secondo luogo, ed è l'altro lato della medaglia, è probabile che i giocatori di poker esperti lo trovino piuttosto noioso, specialmente se lo slang è abusato.

Ma grazie all'uso prezioso della prima persona nell'arco narrativo, ci viene data continuità attraverso le voci fuori campo di Mike McDermott, interpretato da un Matt Damon, fresco del premio Oscar per il "Genio ribelle". Rounders passa dalla modalità che potremmo definire tutorial alle strategie più articolate in modo molto, molto più fluido rispetto ai film che si basano su interazioni poco riuscite tra i personaggi. Geniale anche il bandito Malkovich quando tuona: "Nel mio club io posso lanciare le mie fiches tutte..."

Il film elimina la necessità di tagliare via il tavolo da poker.

Anche i meno esperti di poker possono seguire il gioco in tempo reale, mentre i guru del gioco sono coinvolti perchè stimolati ad analizzare la strategia personale del giovane e coraggioso Mike.

Aggiungiamo anche un senso di solitudine e monologo interiore, un'autentica caratteristica del poker, come condividerete con noi!

Grazie alla sua struttura creativa, l'uso della prima persona da parte di Rounders gli dà la libertà di interagire con il suo pubblico in un modo del tutto riuscito. È uno stile molto efficace.

Casino Royale

Non siamo qui per discutere della credibilità del poker in questa occasione. 

Concentriamoci su come, invece, il film affronta il problema dell'educazione dei suoi spettatori.

La maggior parte del pubblico guarda Casino Royale per il loro amore per Bond piuttosto che per le carte.

Quindi, potresti obiettare che il poker autentico è irrilevante... purché ci siano già tutti i cliché, Bond Girls e inseguimenti in auto, ovviamente.

In realtà, gran parte di Casino Royale si svolge nella sala da gioco. Dal momento che la base di fan di 007 è così vasta, educare un pubblico diversificato rappresenta una sfida considerevole.

È complicato, ma il regista neozelandese di Casino Royale, Martin Campbell, ha trovato dei modi molto intelligenti per farlo.

Casino Royale si svolge nella prospettiva in terza persona. Quindi, non possiamo avere un'idea della forma mentis di Bond come potremmo con Mike in Rounders.

Di conseguenza, il film deve utilizzare altri personaggi per educare il pubblico sul poker e coinvolgerli.

Un modo per farlo è attraverso il personaggio di Mathis. Attraverso le sue interazioni con Vesper e Bond, Mathis può trasmettere concetti elementari al pubblico.

L'ultima mano ne è un eccellente esempio:

Potrebbe tradire Bond nel film, ma Mathis è davvero molto utile al pubblico del poker. Dal momento che i suoi commenti sono piuttosto semplici, potrebbero sembrare banali.

  • Ma in verità, le persone preferiscono soffrire in silenzio piuttosto che fare molte domande su qualcosa che non capiscono in un film.
  • Gli spettatori potrebbero sentirsi imbarazzati ad ammettere di non avere idea di cosa stia succedendo.

C'è una reale possibilità che una parte del pubblico possa perdere il pallino del gioco durante le scene del poker.

Spettatori / sostenitori

Questi sostenitori sono qui per supportare il loro eroe, ma potrebbero aver bisogno di un po' di assistenza per farlo.

Oltre a consentire al pubblico di seguire l'azione, le interazioni di Mathis con la protagonista femminile, Vesper insegnano al pubblico alcune importanti lezioni di poker. È un ottimo modo per coinvolgere parti del pubblico che altrimenti potrebbero sentirsi perse e alienate nelle scene del poker.

La bellezza dei dialoghi di Mathis con Vesper è che sembrano reali nel contesto del film. Ricorda, Vesper è nuova nel poker. Quindi, è perfettamente ragionevole presumere che avrebbe bisogno che le regole le venissero spiegate in tempo reale, mano dopo mano.

Con questo pretesto, è improbabile che i commenti di Mathis irritino i fan irriducibili del poker tanto quanto l'uso scorretto della terminologia del poker nel film.

L'esultanza per una vittoria al tavolo del Poker!

In una scena, Bond usa il termine "rilancio" invece di "puntata", per esempio. Questo errore è il tipo di cosa che infastidisce i giocatori di poker più accaniti e non può rappresentare un alibi neanche la cattiva traduzione.

Usare correttamente la terminologia del poker è un dovreoso per gli appassionati di poker. Così, usarli male diventa assolutamente inaccettabile!

L'autenticità di Rounders contro lo sfarzo di Casino Royale!

Abbiamo già parlato di 9 film sul poker. Ora nello specifico, sia Rounders che Casino Royale usano modi intelligenti per soddisfare il loro pubblico, ma le loro esecuzioni differiscono.

Usare Bond per spiegare le sue azioni è un modo intelligente per aggiungere varietà e dare una spiegazione più corretta di ciò che sta accadendo. Ma è mal eseguito da sceneggiatori che non hanno effettuato uno sforzo ulteriore.

Se il team dietro Casino Royale avesse contattato un giocatore professionista di poker per farsi consigliare, passo, passo, probabilmente avrebbe fatto un lavoro di gran lunga migliore.

D'altra parte, Rounders, co-scritto dall'appassionato di poker, Brian Koppelman, è molto più autentico e rispettato all'interno della comunità del poker.

Quindi, ecco qua, una breve analisi del film sul poker da un vecchio fan di "An Introduction to Film Studies"!
Qual è delle due la tua tecnica preferita?

Buona fortuna ai tavoli nel frattempo!
 

Sull'autore
Di

Dan O'Callaghan ha conosciuto il poker ai tempi dell'università a Newcastle ed è pro da diversi anni. Noto online con il nomignolo danshreddies, ha vinto sia in tornei live sia virtuali, raggiungendo il bubble al WSOP Main Event. Finora ha raccolto oltre $120K in tornei dal vivo e oltre $750K online giocando a MTTS e cash games. 

Dan si descrive come 'un tipo un po' strano' e un grande ottimista ed è un apprezzato autore di articoli per la poker community. Oltre a ciò è anche altissimo!