La combinazione unica tra azzardo, abilità, puntate e bluff, uniti a un po’ di vecchio west, rendono il poker un gioco davvero affascinate. Folklore, storia e leggende hanno dato vita a una profonda tradizione letteraria assente in altri giochi. Questa include numerose citazioni e modi di dire, con perle di saggezza assolute da parte di alcuni dei personaggi e giocatori d’azzardo più pittoreschi.

Dai modi di dire accattivanti e divertenti ai pensieri profondi sulla vita, il poker è prodigo di battute argute da parte di giocatori che hanno avuto un sacco di tempo per riflettere seduti al tavolo.

Ecco una serie di commenti e osservazioni interessanti da parte di alcune leggende del gioco, e di altri giocatori celebri.

Brutti colpi e decisioni pessime

“Ero stanco, un po’ alticcio, col jet lag e intontito – quattro condizioni su quattro nelle quali non si dovrebbe assolutamente giocare a poker a Las Vegas”.
– Anthony Holden

A volte è meglio andare subito nella camera dell’hotel; sembra che lo scrittore appassionato di poker l’abbia capito sulla propria pelle.

“Perdere è come fumare. Diventa un’abitudine”.
– Puggy Pearson

Fai tesoro delle parole di questa leggenda della vecchia scuola: evita entrambe le abitudini.

“Quando subisco una brutta sconfitta, la considero come una spesa di gestione. Se sei titolare di un’impresa, devi pagare le bollette, e io considero una brutta sconfitta come una delle mie bollette”.
– Jennifer Harman

Una bella intuizione da parte di una leggenda sulle mani che ti lasciano frustrato.

“Se perdo, non me ne frega niente dei soldi: quello che odio è l’imbarazzo dell’essere battuto”.
– Jack Straus

Il texano nella Poker Hall of Fame ha vinto moltissimo nella sua vita.

"Prova a vedere e sarà la tua fine, baby”.
– Scotty Nguyen

Kevin McBride, invece, è andato a vedere e Nguyen ha vinto il WSOP Main Event del 1998. Non era un bluff!".

Carte, mani e abilità al tavolo

“Il poker è come il sesso. Ognuno pensa di essere il migliore, ma la maggior parte non ha idea di cosa sta facendo”.
– Dutch Boyd

Un po’ di concentrazione e di esperienza dovrebbero aiutare a superare tali lacune.

“Il bello del poker è che tutti pensano di saper giocare”.
– Chris Moneymaker

Anche l’artefice del boom del poker si rende conto che addirittura i dilettanti possono arrivare in cima.

“La maggior parte dei soldi che vinci al poker non viene dalla genialità del tuo gioco, ma dall’inettitudine dei tuoi avversari".

– Lou Krieger

Il giocatore e scrittore adorava il poker e lo considerava uno scontro di intelletti.

“Se esiste un ‘fattore-X’ che accomuna tutti i grandi giocatori di poker, è la loro volontà di giocare in modo aggressivo”.
– Phil Gordon

La timidezza non paga al tavolo da poker.

“Il poker serio è azzardo, tanto quanto l'arrampicata sulla roccia è rischio”.
– Al Alvarez

Il famoso autore del libro Biggest Game in Town è stato il primo a dare lustro alle WSOP.

“L’uomo che non bluffa mai, non vince mai”.
– Oswald Jacoby

Il pioniere della vecchia scuola ha dominato poker e bridge.

“L’Hold’em è per lo stud ciò che gli scacchi sono per la dama”.
– Johnny Moss

I giocatori sono sempre in cerca dei Re e delle Donne – e di un bello scacco matto.

“Gioca ogni mano e basta, non puoi perderle tutte”.
– Sammy Farha

Il secondo classificato dopo Moneymaker nel Main Event del 2003 vive secondo il proprio credo.

Barare

“Quando il tuo avversario se ne sta seduto con tutti gli Assi in mano, c’è solo una cosa da fare: rovesciare i tavoli”.
– Dean Martin

A quanto pare che l’attore e cantante non vedeva di buon occhio i bari.

“La maggior parte dei giocatori di carte sono dei fessi che non riconoscono una giocata disonesta neanche quando è fatta sciattamente”.
– John Scarne

Per l’autore ed esperto manipolatore di carte sarà stato difficile divertirsi.

“Ovviamente, il baro è uno stupido. Imbroglia non solo gli altri, ma anche se stesso. Si priva dell’amor proprio e del piacere del gioco”.
– Nick Dandalos

Citazione dal libro Gambling Secrets of Nick The Greek; dopo essere stato imbrogliato da un giocatore che considerava un amico.

“Fidati di tutti, ma taglia sempre il mazzo”.
– Benny Binion

Il fondatore delle World Series of Poker non stimava i bari.

“Il poker è una combinazione di fortuna e abilità. Le persone pensano sia difficile padroneggiare la parte sull’abilità, ma sbagliano. Il segreto del poker è padroneggiare la fortuna”.
Jesse May

Non si sa se l’autore sia riuscito a padroneggiare la variabile fortuna, ma ha scritto qualche buon libro sul poker che cale la pena consultare.

Il gioco del Poker

“Il poker a limite fisso è una scienza, ma il no-limit è un’arte. Con il limite fisso, spari a un bersaglio. Nel no-limit, il bersaglio prende vita e reagisce sparandoti contro”.
– Crandell Addington

Il giocatore della Poker Hall of Fame è estremamente succinto su ciò che rende grande “Il Gioco”.

“La dipendenza da poker è peggiore della dipendenza da fumo”.
– Tom McEvoy

Speriamo che il campione del WSOP Main Event del 1983 non abbia praticato entrambi.

“Il poker è come la guerra. Le persone fingono che sia un gioco”.
– Doyle Brunson

Sano realismo da parte di Texas Dolly.

“Un giocatore di poker deve avere fortuna – nello stesso modo in cui Warren Buffet ha fortuna giocando in borsa anno dopo anno”.
– Phil Gordon

Come l’Oracolo di Omaha, i top player del poker sono abili e scaltri, e cercano di incassare.

“Le due cose in cui bisogna riuscire nel poker sono, primo, scartare le tue carte, e secondo, non giocare i tuoi soldi”.
– David “Devilfish” Ulliott

L’inglese sembra essere stato tra i primi sostenitori dello staking.

“Sono convinto che il poker sia un gioco di persone giocato con carte, non un gioco di carte giocato da persone”.
– Juan Carlos Mortensen

Il campione del WSOP Main Event del 2001 ha grandi capacita di lettura delle persone.

“Il baseball è come una partita di poker. Nessuno vuole mollare quando perde, e nessuno vuole che tu molli quando stai vincendo”.
– Jackie Robinson

Sembra che la leggenda del baseball fosse un giocatore di poker e la maggior parte dei giocatori sarebbe d’accordo con lui.

Citazioni divertenti

“Che il flop sia con te”.
– Doyle Brunson

La leggenda del poker aggiunge un tocco di Star Wars al proprio gioco.

“Ieri sono stato sveglio tutta la notte a giocare a poker con i tarocchi. Ho fatto full e sono morte quattro persone”.
– Steven Wright

L’impassibile comico improvvisa sul palco. Se soltanto i giocatori potessero leggere il futuro...

“Per diventare campione di poker devi avere una vescica resistente”.
– Jack McClelland

A quanto pare, per McClelland il tempo lontano dal tavolo equivaleva a vincite mancate.

“Tutto ciò che so del poker può essere messo in un ditale, e resterebbe ancora dello spazio libero, ma sto imparando”.
– Wilford Brimley

Potrebbe valere la pena sedersi di fianco all’attore a un tavolo da poker.

“L’alternativa migliore a giocare e vincere è giocare e perdere”.
– Nick Dandalos

“Il Greco” era sempre in cerca di azione.

“Il poker è un po’ come uno sport, ma non bisogna fare flessioni”.
– Penn Gillette

L’abilità con le carte del famoso mago potrebbero portare molti a evitarlo a un tavolo.

Ispirazione e motivazione

“La vita, come il poker, comporta un elemento di rischio. non bisogna evitarla. Bisogna affrontarla”.
– Edward Norton

Ovviamente, la star de “Il giocatore - Rounders” è lui stesso un giocatore.

“Tutto quello che ti serve è una fiche e una sedia”.
– Anonimo

Uno dei detti più famosi del poker che si ritiene nato quando Jack Straus vinse il WSOP Main Event del 1982 dopo essere rimasto con una singola fiche.

“Non facevo altro che mangiare, dormire e respirare tornei di poker, e i risultati lo hanno dimostrato”.
– Daniel Negreanu

Kid Poker ha dominato il World Poker Tour nel 2004, vincendo due eventi e arrivando al tavolo finale in altri due. E il successo non gli è mancato.

“La vita non è sempre una questione di carte buone, ma, a volte, di giocare bene una mano debole”.
– Jack London

Un sagace paragone dello scrittore tra la vita al tavolo e la vita nella natura.

“Un giorno, pollo, il giorno dopo campione. Che differenza fa un giorno nei tornei di poker!”
– Mike Sexton

Il commentatore di lunga data del WPT dà un po’ di speranza a tutti i giocatori.

“Il poker svela all’osservatore attento qualcos’altro di importante. Gli insegnerà qualcosa della propria natura. Molti giocatori scarsi non migliorano perché non sopportano di guardarsi dentro”.
– David Mamet

Alcune considerazioni del drammaturgo e giocatore di poker che potrebbero valere per molti giocatori.

Parole forti

“Se non c’entrasse anche un po’ di fortuna, vincerei sempre”.
– Phil Hellmuth

Il 15 volte vincitore del braccialetto fa fede al proprio soprannome di Poker Brat (Il ragazzaccio del poker).

“Mostratemi un bravo perdente, e io vi mostrerò un perdente”.
– Stu Ungar

Il tre volte campione del WSOP Main Event non usa mezzi termini.

“Se dopo la prima mezz’ora al tavolo non capisci chi è il pollo, vuol dire che il pollo sei tu”.
— Mike McDermott (interpretato da Matt Damon) nel film Il giocatore - Rounders

Un vecchio modo di dire del mondo degli affari, reso famoso per il poker nel film. Suona molto veritiero.

“Vincerò di sicuro perché sono spietato. Mi siedo al tavolo e il mio lavoro consiste nel distruggere le persone”.
– James Woods

Il leggendario attore è molto capace con carte e fiches.

“Queste fiches sono la tua arma, il tuo arsenale. Se hai paura di usarle, allora non giocare”.
– Doyle Brunson

This poker legend is certainly never afraid of using his weapons – usually winning plenty of battles.

“Non cerco mai un pollo, cerco un campione e lo trasformo in pollo”.
– Amarillo Slim Preston

Una delle prime star del poker era un uomo dai molti detti e non aveva paura di sembrare uno spaccone.

“Posso schivare i proiettili, baby”.
– Phil Hellmuth

Il Poker Brat non si vergogna di vantarsi.

“Cerca di non sopravvalutarti”.
– Erik Seidel

Sembra l’approccio opposto rispetto a Hellmuth. E con vincite nell’ordine dei milioni, questo approccio umile sembra essere servito.

Sull'autore
Di
Sean Chaffin è uno scrittore freelance di Crandall, Texas. I suoi articoli vengono pubblicati su numerosi siti e riviste. Seguilo su Twitter @PokerTraditions. Sean è anche il moderatore del podcast True Gambling Stories, disponibile su iTunes, Google Play, TuneIn Radio, Spotify, Stitcher, PokerNews.com, HoldemRadio.com e altre piattaforme.