Nonostante un sistema di base di regole abbastanza rigido, il poker ha assistito a cambiamenti davvero significativi negli ultimi decenni. 888poker esamina sette cambiamenti essenziali in questo articolo.

Iniziamo da una confidenza. Grazie a una richiesta abilmente sottile, la mia ragazza mi ha convinto a guardare una serie TV romantica chiamata Bridgerton.

Se non l'hai ancora vista, racconta di scandali amorosi dell'alta borghesia nell'Inghilterra della fine del XVIII secolo. Non è chiaramente il mio argomento preferito, ma mentirei se dicessi che non mi godo segretamente tutta la borghesia ed i dialoghi geniali. Ma quello che mi piace di più di Bridgerton è il modo in cui mette in evidenza quanto le cose siano cambiate negli ultimi 100 anni circa.

Tutto, da come le persone si vestono e parlano a come ballano e fanno festa, è molto lontano da ciò che conosciamo oggi. Rappresenta, quindi, un sottile promemoria di una delle poche verità inevitabili nella vita.

  • Tutto cambia.
  • Anche il poker non fa eccezione.

Nonostante il suo insieme di regole relativamente rigido, il gioco ha assistito a cambiamenti significativi negli ultimi decenni. Esamineremo tali modifiche in questo articolo.


Facce da poker della vecchia scuola
Volti da poker della nuova generazione
La sicurezza prima di tutto, poi l'evoluzione
Dimentica l'etichetta
Team Pro e sponsorizzazioni
Molto lavoro e zero gioco
Perché le persone non parlano più ai tavoli?
 

Facce da poker della vecchia scuola

Uno dei cambiamenti più significativi nel poker riguarda le persone ai tavoli. Mentre le sale da gioco si sentono abbastanza sicure e accoglienti in questi giorni, le cose erano molto diverse.

Grazie ad amici comuni, ho avuto la fortuna di godermi alcune birre con il compianto Dave "The Devilfish" Ulliot in diverse occasioni. Il Devilfish è una vera leggenda del poker che ha giocato quando il poker era molto più pericoloso di quanto non lo sia oggi.

Come ha commentato in un documentario del 2019 Rob Yong, proprietario di un casinò, Dave "amava essere al centro dell'attenzione". Quindi, non sorprende che le volte in cui l'ho incontrato siano state dominate da racconti stravaganti sulla sua selvaggia carriera nel poker.

Devilfish aveva un talento naturale per la narrazione. Quindi, ci siamo seduti felicemente come bambini piccoli al momento della storia, immobili per ogni parola che pronunciava.

Ci ha raccontato dei suoi scontri con armi nascoste nei casinò sotterranei, rispecchiando la sua descrizione del 2008 del poker grind come "Uno stile di vita di James Bond senza proiettili". [Anche se] avevamo anche quelli!'

In un vecchio documentario Devilfish, ha descritto la comunità del poker come un gruppo di "bugiardi e pugnalatori alle spalle". Ha ricordato di aver usato una palla da biliardo in un calzino per difendersi dai rapinatori fuori dai casinò.

Questi racconti rispecchiano le storie raccontate da Doyle Brunson nelle interviste. Gli aneddoti dell'epoca dipingono l'immagine di una comunità di poker selvaggia e pericolosa, piena di mafiosi sempre pronti alle minacce.

Volti da poker della nuova generazione

Il Poker Boom ha cambiato tutto questo. Grazie all'avvento del poker online, insieme alla vittoria del Main Event di Moneymaker, l'atteggiamento delle persone nei confronti del poker è cambiato. Le persone potrebbero giocare molte più mani ed affinare le proprie abilità in molto meno tempo rispetto a prima in un casinò tradizionale.

Anche l'uso dei forum di strategia online è aumentato. Le persone hanno iniziato a condividere strategie ed idee all'avanguardia. Come per la maggior parte delle cose, la pratica rende perfetti. Con così tanti giocatori che uniscono le loro idee, lo standard, come già abbiamo evidenziato più volte, è aumentato notevolmente.

Questo afflusso di giovani giocatori di alto livello ha completamente cambiato il panorama del poker. Quasi 20 anni dopo, questi giocatori della nuova scuola dominano le sale da gioco.

  • L'età media è molto più bassa di prima.
  • Il giocatore tipo è più studioso che intimidatorio.
  • Dai coltelli e fucili siamo passati a formule e principi generali.
  • È più probabile che i giocatori scricchiolino i numeri in una lingua sconosciuta che non i nasi in un parcheggio.

La rappresentazione del poker nei film da parte del mondo di Hollywood significa che molti ancora definiscono l'industria come una comunità in stile gangster. Ma la realtà è che le persone che giocano a poker oggi sono molto meno criminali e molto più timide.

È ironico perché i giochi stessi sono, invece, molto più aggressivi da una prospettiva strategica.

La sicurezza prima di tutto, poi l'evoluzione

Anche l'avvento del poker online è stato fondamentale nel cambiamento. Potresti essere immerso fino alle ginocchia in una partita, a qualsiasi posta in gioco, comodamente da casa tua. Niente gangster, niente fucili e nessun pericolo... a meno che tu non stia ancora usando il dial-up, ovviamente!

L'accesso a buoni giochi di poker dal vivo è diventato molto più facile. Non è più necessario giocare a giochi underground. E correre i rischi che derivavano dal giocare con loro è diventato quasi inesistente.

Le persone potevano lasciare le loro palle da biliardo a casa, sapendo che era improbabile che venissero derubate. Potrebbero avere qualsiasi vincita trasferita direttamente sul loro poker online o sui conti bancari.

Anche i luoghi stessi rendevano il gioco più attraente: i casinò erano regolamentati, avevano le proprie squadre di sicurezza e utilizzavano telecamere per prevenire imbrogli. L'intero settore si sente molto più sicuro, incoraggiando più giocatori della nuova scuola a fare il loro tiro.

Oggi, l'industria è diventata un luogo sicuro e regolamentato in cui giocare.

Dimentica l'etichetta

Quella che definiamo etichetta non può essere più un punto di riferimento. La sala da gioco Bellagio è la mia preferita a Las Vegas. Oltre ad essere all'interno di una delle più belle strutture sulla strip, funziona abbastanza bene. E l'atmosfera è eccellente.

Ricordo ancora la mia prima sessione, non che ho giocato molto a poker. Ero tra gli ultimi di una lunga lista d'attesa, e mentre gironzolavo per passare il tempo, ho notato una targa sul muro che elencava le Regole della Casa.

Oltre a identificare i soliti, noiosi termini di rake e normativi del casinò, la targa ha chiarito che "il check-and-raise è consentito".

Questa sentenza sembrava piuttosto bizzarra. Non perché il check-raise fosse consentito, ovviamente. Ma il casinò ha ritenuto che ciò dovesse essere confermato. Sembrava dire che ti è permesso lavare la biancheria intima o portare a spasso il cane. Come ho visto, i check-raise erano una parte regolare della strategia del poker.

Perché non dovrebbero essere ammessi?

Per capire la regola, bisogna chiarire l'età della targa. Quando la sala da gioco del Bellagio è stata aperta nel 1998, il casinò probabilmente ha appeso la targa proprio in quel momento. Anche se questo potrebbe sembrare relativamente recente, significa che la targa è antecedente al c.d. Poker Boom.

Risale a un'epoca in cui la maggior parte dei giocatori di poker aveva ancora una mentalità da vecchia scuola.
Come avrai capito dai commenti fatti da avversari più anziani, era spesso considerato educato

e da gentiluomo "scommettere la tua mano".
Di conseguenza, molti credevano che il check-raising (o sandbagging, come era noto all'epoca) fosse abbastanza scortese. La gente odia essere sottoposta a check-raise nel migliore dei casi. 

È in netto contrasto con i giochi di oggi, dove il check-raise è standard. Molte persone vedono un check-raise-bluff come un gioco piuttosto tosto.

Per gli standard strategici odierni, è improbabile che tu sia un ottimo giocatore se non conosci alla perfezione le fondamenta del check-raise.

La nuova posizione sul check-raise mostra un notevole cambiamento negli atteggiamenti del poker. È indicativo di una generazione di giocatori che mira a essere equilibrata ovunque.
I giocatori moderni e della nuova scuola lo accettano come parte del gioco.

Team Pro e sponsorizzazione

Un'altra cosa che è cambiata molto negli ultimi anni è la presenza di professionisti sponsorizzati ed ambasciatori del poker. Al culmine del boom del poker, ottenere una sponsorizzazione era semplicemente un passo successivo, dopo aver vinto il torneo giusto.

  • Toppe di ogni forma e colore erano disseminate sulle magliette di qualsiasi giocatore abbastanza fortunato da creare un tavolo da gioco.
  • Gli operatori hanno lanciato sponsorizzazioni con la stessa generosità di commenti poco edificanti su un post di Antonio Cassano.

Quindi, la prospettiva di fama e fortuna nel poker era una proposta molto realistica. Molti giocatori si sono posti questi obiettivi. Diventare un professionista della squadra è stato sia possibile che soddisfacente.

Assicurare una sponsorizzazione sembrava un ottimo modo per compensare l'instabilità finanziaria nel poker professionistico. Detto questo, non si trattava solo di soldi.

I tuoi risultati a breve termine sono spesso disconnessi dalla qualità delle tue prestazioni. Lo status di Team Pro offre conferme e risultati rari nel poker. Le campagne di marketing hanno glorificato i professionisti sponsorizzati come pugili di pesi massimi.

La loro importanza su un sito di poker online ha incoraggiato i giocatori ad accedere e testare il loro metallo contro di loro. Oppure potrebbero aver aspirato a seguire le orme del giocatore professionista della loro squadra preferita.

Al giorno d'oggi, garantire la sponsorizzazione è molto più difficile e il mercato è cambiato. Meno soldi circolano online a causa di margini di abilità inferiori e popolarità ridotta. Ora i siti sono molto più sensibili a sottoscrivere accordi importanti.

Ottenere uno stato di Team Pro in questi giorni richiede sicuramente un duro lavoro più che fortuna.

  1. Devi rimanere con un'immagine pulita mentre macini abbastanza per competere con l'élite del gioco.
  2. Oppure (ambiziosamente) puoi dedicare decine di migliaia di ore alla formazione e creazione di un seguito affezionato su Twitch, Instagram o YouTube.

Sebbene ciò renda il titolo di Team Pro molto più prestigioso, è molto più difficile da raggiungere per i giocatori di oggi.

Molto lavoro e zero gioco

Il poker è cambiato radicalmente anche dal punto di vista sociale. Ci sarà sempre un piccolo numero di perdenti irritati, sapientoni e detrattori. I tavoli sembrano molto meno loquaci in generale in questi giorni.

Al livello più alto, giocatori come Christoph Vogelsang stanno uccidendo l'atmosfera del gioco rimanendo seduti in silenzio per 10 minuti prima di effettuare la loro mossa. Vogelsang potrebbe essere un top strategicamente parlando, ma è una pessima pubblicità per il poker ricreativo, ovvero quello che finanzia tutto l'ambiente.

Confronta il suo stile lento e senza vita con giocatori come Hellmuth, Laak, Negreanu, Esfandiari e Tony G. Le loro interazioni hanno reso il poker coinvolgente e attraente in programmi TV come Poker After Dark e High Stakes Poker.

Anche online, molti siti stanno sostituendo le chat; sembra che l'interazione sociale non sia più in voga.

Perché le persone non parlano più?

Come accennato, il boom del poker ha portato a un afflusso di giocatori più giovani e più studiosi. Questi giocatori dominano i tavoli moderni e non sono venuti di certo a fare due chiacchiere.

Si muovono, infatti, solo per sollevarti dai tuoi sudati guadagni.
Online, la maggior parte dei giocatori in genere gioca a molti giochi contemporaneamente, rendendo le chiacchiere quasi impossibili. Qualche volta sembra antisociale come una corsa in metropolitana nell'ora di punta.

Lo stesso vale nei giochi dal vivo. Anche se è improbabile che tu trovi un tavolo di Vogelsang, i giochi stanno diventando più seri. Soprattutto quando ti allontani dalle micro-poste in gioco, che molti (soprattutto più anziani) giocano a scopo ricreativo per il piacere sociale.

Ma l'aumento delle capacità dei giocatori li costringe a prendere sul serio il gioco per sopravvivere. Grazie alla miriade di stream e contenuti online, anche la maggior parte dei giocatori ricreativi è decisamente più strutturata in questi giorni.

C'è un rapporto più alto di professionisti attuali o aspiranti ai tavoli rispetto a 10 o 20 anni fa. Molti giochi privati ​​e high stakes spesso semplicemente girano intorno a uno o due... pesci!

Se vuoi vedere quanto è cambiato il gioco, confronta gli atteggiamenti dei giocatori più anziani con quelli più giovani. La generazione leggermente più anziana (diciamo quelle tra i 40 ei 50 anni) è più propensa a stapparsi una birra e scambiare un po' di battute in giro.

Le cose cambiano - È qualcosa che dobbiamo accettare.

Il poker è cambiato molto negli ultimi 25 anni. Chissà come sarà tra altri 25!

Sull'autore
Di

Dan O'Callaghan ha conosciuto il poker ai tempi dell'università a Newcastle ed è pro da diversi anni. Noto online con il nomignolo danshreddies, ha vinto sia in tornei live sia virtuali, raggiungendo il bubble al WSOP Main Event. Finora ha raccolto oltre $120K in tornei dal vivo e oltre $750K online giocando a MTTS e cash games. 

Dan si descrive come 'un tipo un po' strano' e un grande ottimista ed è un apprezzato autore di articoli per la poker community. Oltre a ciò è anche altissimo!