Il potere può essere inteso anche come gioco di strategia, caratterizzato spesso da bluff ed aggressività.

Queste peculiarità possono avere un peso specifico nelle campagne politiche e anche nel governo. Quindi, il poker sembra essere andato a braccetto con la politica per molti leader nel corso degli anni.

Per un altro verso, il gioco può essere considerato come una metafora della politica e della leadership in generale.

Ecco una carrellata di alcuni politici americani che non hanno mai nascosto la passione per il poker. Alcuni erano veramente dei grandi giocatori, mentre altri giocavano semplicemente per svago o per compagnia.

In entrambi i casi, il poker ha giocato un ruolo rilevante nella vita di alcune delle figure storiche più significative e di leader moderni.

1. Richard Nixon, presidente degli Stati Uniti (1969-1974)

2. Dwight Eisenhower, presidente degli Stati Uniti (1953-1961)

3. Harry Truman, presidente degli Stati Uniti (1945-1953)

4. Winston Churchill, Primo Ministro del Regno Unito (1940-45, 1950-55)

5. Antanas “Tony G” Guoga, Parlamento Europeo (2014-19)

6. Donald Trump, presidente degli Stati Uniti (2017-21)

7. Altri politici che giocano a poker 

1 – Richard Nixon, presidente degli Stati Uniti (1969-1974)

Forse uno dei migliori politici che hanno giocato a poker, Richard Nixon è ricordato come un habitué del tavolo da gioco. Si dice che sia stato un giocatore così abile che ha finanziato parte della sua prima campagna politica proprio con le vincite nel poker.

Nixon prestò servizio nella Marina degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale ed era un giocatore abile e vincitore che potremmo definire seriale. Da militare al Pacific Theatre, il futuro presidente vinse $ 8.000 durante vari giochi al tavolo da poker.

Una mano di poker di Nixon, in particolare è ancora leggendaria dopo lustri. In una partita di 5 Card Draw e tenendo la A♦, Nixon ha pescato quattro carte, per ricevere una scala reale. Ha giocato la mano per il valore massimo.

Una caricatura di Nixon!

"Ero naturalmente eccitato", ha osservato nella sua autobiografia, "Ma ho giocato con una vera faccia da poker e ho vinto un piatto sostanzioso".

Si è anche confrontato con giocatori migliori per perfezionarsi, prendendo il poker molto più seriamente di molti dei suoi contemporanei. L'ex senatore della California potrebbe essere stato un giocatore di poker ma non era un giocatore d'azzardo al tavolo. Preferiva avere le probabilità a suo favore quando entrava in un grosso piatto.

"Si è divertito in tattiche avverse al rischio e ha iniziato a fare soldi seri giocando a poker in modo serrato", scrive l'autore James McManus in Cowboys Full: The Story of Poker.

Tuttavia, il 9 agosto 1974, il 37° presidente degli Stati Uniti ha passato la mano, rassegnando le dimissioni in seguito allo scandalo Watergate.

2 – Dwight Eisenhower, presidente degli Stati Uniti (1953-1961)

Come Nixon, anche il 34° presidente degli Stati Uniti ha mostrato una certa maestria al tavolo da poker. Anche l'ex comandante supremo delle forze americane durante la seconda guerra mondiale è stato protagonista al poker. Mentre frequentava l'Accademia militare degli Stati Uniti a West Point, New York, Eisenhower preferiva le serate al tavolo da poker piuttosto che partecipare ai balli dei cadetti.

Il suo amore per il gioco è continuato in seguito nell'esercito, dove si narra che abbia giocato anche per poste significative. Tra l'altro, parte della sua esperienza nei... bluff è decisamente tornata utile durante il D-Day e l'assalto alla spiaggia della Normandia.

Dwight Eisenhower in una foto di gruppo

"Ike" potrebbe aver vinto abbastanza durante la sua permanenza in Marina per finanziare la sua prima campagna al Congresso nel 1946. Il militare ha letteralmente dominato molte delle sue controparti al tavolo.

“A differenza di Nixon, era così bravo che ha dovuto smettere di giocare con i sottoposti; ne stava lasciando troppi al verde", ha scritto l'autore Garry Wills in Nixon Agonistes: The Crisis of the Self-Made Man.

Eisenhower e Nixon hanno creato una bella coppia di poker quando il primo ha scelto Nixon come suo compagno di corsa nel 1952. 

3 – Harry Truman, presidente degli Stati Uniti (1945-1953)

Il poker è arrivato rapidamente alla Casa Bianca di Truman. Poco dopo l'inaugurazione, Truman ha ordinato un set completo con il sigillo presidenziale. Durante la sua presidenza, è stato un giocatore irriducibile, con sfide da $ 500 di buy-in regolarmente alla Casa Bianca e durante i viaggi presidenziali.

I giochi di Truman hanno coinvolto membri della sua amministrazione e persino giornalisti. Il gioco ha avuto un effetto ludico e  ha consentito un po' di evasione e relax mentre imperversava la seconda guerra mondiale. Continuò a giocare mentre prestava servizio nell'esercito durante la prima guerra mondiale.

"La preferenza di Truman per il poker rispetto ai passatempi da country club aiuta a spiegarci il temperamento di 'Give 'Em Hell Harry' durante le controversie di lavoro americane, le guerre con Giappone e Corea del Nord e la guerra fredda con Russia e Cina", osserva McManus in Cowboys.

Una aneddoto interessante relativo al poker durante la presidenza Truman è il tavolo che usava per ospitare le sue partite. Nel 1949, tre appaltatori civili del negozio di gabinetto della stazione navale degli Stati Uniti gli regalarono un tavolo decorato. Il tavolo in mogano misurava 58 pollici di diametro e 28 pollici di altezza.

I giocatori di Truman sono stati accolti con porta chip e posacenere integrati realizzati con bossoli in ottone. I costruttori hanno aggiunto un solido ripiano del tavolo per coprirlo e, così, utilizzarlo come tavolo da pranzo.

Il tavolo era originariamente tra la mobilia che arredava lo yacht presidenziale, l'U.S.S. Williamsburg. Ora è in mostra al Truman Little White House (biblioteca presidenziale e ritiro di Truman a Key West, Florida).

Truman

"I tre mobili più importanti più apprezzati dagli ospiti curiosi sono il tavolo da poker, il pianoforte di Truman e la sua scrivania presidenziale", afferma il direttore esecutivo della Piccola Casa Bianca, Bob Wolz. “Abbiamo avuto diversi maestri falegnami che sono venuti a fare disegni del tavolo da poker per cercare di duplicarlo. Credo che la parte più difficile sarebbe copiare i posacenere!”

Il 33esimo presidente adorava giocare a carte, ma i suoi giochi erano al ribasso e non erano consentite foto. Alcuni americani consideravano il gioco d'azzardo un peccato e i timori di un contraccolpo traducibile in punti persi in campagna elettorale avrebbero potuto rappresentare una preoccupazione.

Secondo Wolz, Truman approcciava i suoi giochi con gli amici e lo staff anche come esercizi di team building. Questi incontri prevedevano, chiaramente, una posta in gioco da bassa a media. Ma alcune sfide presentavano ai nastri di partenza il presidente, il vicepresidente, il capo della giustizia e il presidente della Camera.

Al tavolo da poker devono essere stati condivisi, quindi, molti argomenti cruciali e decisioni politiche: quando si dice che alcune poste in gioco davvero... cambiano la vita!

4 – Winston Churchill, Primo Ministro del Regno Unito (1940-45, 1950-55)

Può sembrare difficile da immaginare, ma il poker era una parte regolare della vita durante la seconda guerra mondiale per alcuni leader alleati. Winston Churchill, come ben sappiamo, fu fondamentale nel mantenere viva la speranza di fermare l'avanzata nazista in tutta Europa.

Ha contribuito ad ispirare e motivare le forze armate ed i semplici civili durante la battaglia d'Inghilterra.

Anche gli Stati Uniti entrati in guerra nel dicembre 1941 hanno contribuito a invertire la tendenza. Nonostante il mondo libero debba affrontare molte sfide, alcuni dei leader più significativi del mondo si sono incontrati anche al tavolo da poker.

Quei giochi includevano Churchill, il presidente Franklin Roosevelt e Harry Truman (Vicepresidente sotto Roosevelt e futuro presidente alla morte di FDR nel 1945).

Churchill

Questi giochi hanno consentito a questi leader mondiali almeno qualche minuto di normalità, dimenticando, per brevi intervalli, lo stress e le preoccupazioni della giornata.

"Per Truman e il suo predecessore, è stata un'opportunità per lasciarsi alle spalle la formalità dell'ufficio", scrive McManus. "Uno degli esempi più famosi si verificò il 4 marzo 1946, quando Churchill si unì alla partita di Truman a bordo del vecchio vagone blindato della FDR, il Ferdinand Magellan, per un viaggio a Fulton, Missouri, dove Churchill doveva consegnare la sua 'cortina di ferro ' discorso."

Churchill ha bevuto cinque scotch prima che l'azione iniziasse e ha ammesso di non saper giocare a poker. Senza dubbio quel giorno ricevette una bella lezione da Truman.

5 – Antanas “Tony G” Guoga, Parlamento Europeo (2014-19)

Meglio conosciuto come "Tony G" nel mondo del poker, Antanas Guoga è noto per aver partecipato a diversi show televisivi di poker high-stakes.

Guoga è cresciuto in Lituania prima di trasferirsi a Melbourne, in Australia, con la famiglia all'età di 11 anni.

Ha intrapreso una carriera nel mondo degli affari come imprenditore, diventando direttore e CEO di Cypherpunk Holdings. La società di investimento in criptovalute, fondata nel 2018, ha sede a Toronto. È stato anche un investitore in iBus Media, la società che pubblica il sito web di PokerNews.

Al tavolo da poker, Tony G ha più di $ 10 milioni di vincite in tornei dal vivo, comprese due apparizioni al tavolo finale del World Poker Tour. Ha anche contribuito a fondare la Lithuanian Poker Federation nel 2010.

Nell'arena politica, Guoga è stato membro del Parlamento europeo per il Movimento liberale e il Partito popolare europeo. Ha ricoperto vari incarichi durante la sua permanenza, inclusa la poltrona di  vicepresidente della delegazione in Armenia, Azerbaigian e Georgia.

Dagli affari al poker alla politica, Tony G è stato un uomo dai molti interessi.

"Per la prima volta, i liberali hanno vinto ed ottenuto ben due seggi al Parlamento europeo", ha detto dopo la sua elezione. “Il mio sincero ringraziamento va a tutti gli elettori, coloro che mi hanno sostenuto e aiutato lungo il mio faticoso, ma felice percorso!”

6 – Donald Trump, presidente degli Stati Uniti (2017-21)

Anche se non è noto se il presidente Trump sia un giocatore di poker, ha vari legami con il gioco. Il suo Taj Mahal Casino, infatti, ha ospitato lo United States Poker Championship (USPC) per diversi anni, a partire dal 1996.

Il Taj era l'hotspot del poker ad Atlantic City in quel momento, e l'USPC ha così acquisito un po' di notorietà durante il boom del poker.

Uno dei casinò di Trump

L'USPC ha persino centrato la visibilità televisiva, con una copertura capillare su ESPN. Non male, considerando che l'evento non faceva parte delle World Series of Poker o del World Poker Tour. Ma ha fatto conoscere diversi pesi massimi del poker che hanno trionfato nel titolo.

  • Daniel Negreanu ha segnato il campionato nel 1999 per $ 210.000.
  • Men Nguyen ha superato John Juanda nel 2001 per $ 228.000.
  • John Hennigan è uscito vincitore nel 2002 per $ 216.000, con Erik Seidel che è arrivato secondo quell'anno e nel 2003.
  • Il boom del poker ha portato giocatori e montepremi ancora più grandi, con poker pro e Jeopardy! il campione Alex Jacob si è assicurato $ 878.500 nel 2006.

Quando il Borgata Hotel Casino ha guadagnato popolarità tra i giocatori di poker negli anni 2000, la popolarità del poker è diminuita. E l'USPC è svanito nel 2010. Edward Gamaitoni ha vinto l'evento finale nel 2010 per $ 167.616.

Altri politici che giocano a poker 

Senza dubbio, molti altri tra politici, presidenti e primi ministri hanno giocato, eccome, a poker. L'ex presidente Franklin Roosevelt, ad esempio, ha giocato a poker alla Casa Bianca durante i suoi anni in carica. Dopo la Grande Depressione, ha qualificato il suo piano per la ripresa economica il "New Deal".

Lyndon B. Johnson era anche un presidente che giocava a poker, partecipando occasionalmente come membro del Congresso del Texas, a sfide con il presidente Truman.

Nel 19° secolo, l'ex generale della Guerra Civile Ulysses S. Grant era piuttosto... il giocatore! Il gioco ha guadagnato popolarità tra i soldati durante questo periodo. L'ex generale dell'esercito dell'Unione della Guerra Civile, William Tecumseh Sherman una volta disse di Grant in una citazione che passò alla storia:

"Ha giocato a poker e a Boston [un gioco di poker simile al poker, NDR] per tutta la sua carriera presidenziale per guadagnare soldi".

Questo sembra essere il caso di molti politici. Alcuni dei quali hanno giocato con vari gradi di serietà e posta in gioco durante la loro carriera.

Molti leader in alte posizioni di potere si sono rilassati giocando a poker, dai segretari del Tesoro degli Stati Uniti e dai giudici della Corte Suprema ai membri del Parlamento e tanti, tanti altri ancora.
 

Sull'autore
Di
Sean Chaffin è uno scrittore freelance di Crandall, Texas. I suoi articoli vengono pubblicati su numerosi siti e riviste. Seguilo su Twitter @PokerTraditions. Sean è anche il moderatore del podcast True Gambling Stories, disponibile su iTunes, Google Play, TuneIn Radio, Spotify, Stitcher, PokerNews.com, HoldemRadio.com e altre piattaforme.