La maggior parte dei giocatori sa che non bisognerebbe mai limpare. Si ha un limp nel pre-flop quando un giocatore entra nel pot pagando il costo del big blind, senza rilanciare. 

Molti limper nel pre-flop entrano nel pot dalla posizione SB quando gli avversari attorno hanno già foldato. In questo caso si parla di SB completo. Tuttavia il limp pre-flop si verifica anche dalle posizioni iniziali: a questo tipo di giocata si dà il nome di open-limp.

In genere il rilancio prima del flop è considerata una mossa più forte del limp.

Il motivo è semplice: il raise offre la chance di conquistare il pot direttamente nel pre-flop.

Ma il limp è davvero una mossa da evitare sempre e comunque?

La maggior parte dei giocatori d’élite sa che la questione è un po’ più complicata.

Ci occuperemo quindi dei seguenti temi:

Limpare dopo qualcun altro (over-limp)

C’è una differenza tra l’open-limp e l’over-limp. Il primo consiste nell’effettuare la mossa inaugurale, mentre l’over-limp prevede che ci siano uno o più limper prima del proprio turno. 

Over LimperGli open-limper agiscono per primi; gli over-limper entrano in gioco dopo uno o più limp avversari

Gli open-limper vanno osservati con particolare interesse. In genere il limp rivela la debolezza di un avversario. Conviene giocare quante più mani possibili contro questo genere di avversari. 

La tecnica standard consiste nel rilanciare contro i limper (tramite un cosiddetto “raise di isolamento”). Questa mossa ha lo scopo di isolare il pot in un testa a testa

L’iso-raise non va effettuato con un range troppo ampio: alcune mani risulteranno infatti poco efficaci. Tuttavia è bene sfruttare le opportunità per entrare in un pot contro un giocatore più debole.

In questo caso è problematico seguire la strategia del “rilancio o fold”. Così facendo vi ritrovereste a fare iso-raise con un range di mani discutibilmente ampio oppure dovreste rinunciare alla possibilità di giocare in una situazione favorevole

L’over-limp vi consente di giocare con profitto senza scommettere importi esagerati.

SB completo nei testa a testa

La maggior parte dei limp si verifica in posizione di SB. Per certi versi, i limp dalla posizione di SB non sono dei veri e propri limp: per usare un termine più corretto, si parla di “completi”. Avete già investito 0,5bb dall’SB e dovete semplicemente “completare” l’importo previsto aggiungendo un extra di 0,5bb.

Molti giocatori seguono un ragionamento standard riguardo al limp dall’SB:

  • È una pessima mossa completare l’SB.
  • Bisognare fare raise o fold laddove si sia in posizione di SB e i giocatori attorno foldino.

Molti bravi giocatori sanno che il completamento dell’SB può far parte di una solida strategia di gioco.

Ci sono almeno due motivi, come vedremo nei prossimi due paragrafi.

Motivo #1: giocare mani contro avversari più deboli

Small Blind Vs Big BlindCompletare o rilanciare dall’SB quando si affrontano avversari deboli in posizione di BB

Immaginate questo scenario: siete in posizione di SB e gli avversari attorno a voi foldano nel pre-flop. Guardate le vostre carte e scoprite di avere 86o: non certo una grande mano.

Seguendo lo schema del “raise o fold”, con una mano del genere bisognerebbe fare “muck” prima del flop.

Tuttavia, guardando alla vostra sinistra vi accorgete che in posizione di BB c’è un giocatore particolarmente debole. Gli piace molto scommettere, tanto da puntare frequentemente somme importanti nel post-flop anche senza avere mani forti a disposizione. A questo punto vi sentite meglio all’idea di fare un open-raise.

Ammettiamo che la vostra apertura pre-flop sia tecnicamente troppo ampia. Le implied odds dopo il flop dovrebbero renderla una giocata fruttuosa.

Di conseguenza potrebbe essere meglio rilanciare che foldare.

Ma esiste una terza opzione ancora più conveniente?

Esatto, completare l’SB. Potete ancora innescare un pot contro il giocatore più debole, pur investendo un basso importo iniziale.

A meno che non vi aspettiate un fold da parte dell’avversario situato in posizione di BB, non avrete particolari chance nell’effettuare un open-raise con un 8-high dalla posizione di SB.

L’avversario potrebbe effettuare un pessimo call prima del flop con una mano Q2o, ma in tal caso non trarreste alcun vantaggio. L’altro infatti continuerebbe a investire soldi nel piatto avendo l’equity dalla propria parte.

Ecco un potenziale range per limpare contro un avversario debole situato in posizione di BB:

  • Blu = open-raise
  • Viola = limp
  • Verde = fold
Limping in Poker image 2Range potenziale per limpare contro un avversario debole situato in posizione di BB

 

Motivo #2: giocare contro avversari più forti in posizione di BB

Il completamento dell’SB a prescindere dal BB rappresenta un trend originatosi negli incontri ad alti stakes, prima di diffondersi a livelli più bassi. Alcuni professionisti degli alti stakes hanno convenuto che il completamento dell’SB trae maggior vantaggio dalla struttura dei blind

Bisogna solo investire 0,5bb per completare l’SB e avere la chance di vedere il flop in un pot con 2bb.

Con la filosofia del “raise o fold” è difficile giocare oltre il 36% delle mani dalla posizione di SB contro un bravo avversario in posizione di BB. Utilizzando invece una strategia improntata sul completamento, potrete giocare con profitto il 70% delle mani circa. 

Una versione più avanzata di quest’approccio consiste nell’eliminare qualsiasi open-raise. Inoltre conviene completare l’SB solo con le mani con cui volete rimanere in gioco. 

Nell’affrontare un rilancio dal BB, suddividete il vostro range di difesa in:

  1. Limp-call
  2. Limp-raise
  3. Limp-fold

Ecco una rappresentazione approssimativa del vostro range:

  • Rosso scuro = limp-raise
  • Arancione = limp-raise (bluff)
  • Nero = limp/call
  • Viola = limp/fold
  • Verde = fold
Limping in Poker Image 3

Range di limp potenziale contro un avversario forte situato in posizione di BB

Completamento dell’SB (multi-way)

Completare l’SB è importante soprattutto quando c’è un limper prima di voi. In tal caso avete la possibilità di giocare contro un avversario più debole. Analogamente a quanto detto per l’over-limp, ci saranno mani nel vostro range che risulteranno troppo deboli per un iso-raise.

Tuttavia non conviene rinunciare all’opportunità di entrare in un pot contro un avversario inferiore.

Nell’affrontare uno o più limper dovreste puntare a difendere circa il 70% delle mani in posizione di piccolo buio.

Con le migliori mani occorrerà fare iso-raise, mentre con gran parte di esse potrete completare l’SB, sperando di vedere il flop scommettendo un importo modesto. 

Possibile range di completamento dell’SB nell’affrontare un open-limp:

  • Arancione = iso-raise
  • Viola = limp (SB completo)
  • Verde = fold
Limping in Poker Image 4

Possibile range di completamento dell’SB nell’affrontare un open-limp

Limpare da altre posizioni

Il consiglio ufficiale rimane quello di evitare gli open-limp a meno che non siate in posizione di SB. Tuttavia non ci sono vere prove sul fatto che l’open-limp sia una mossa pessima come si dà a credere.

Gli open-limper in genere non se la passano bene né hanno buone conoscenze tecniche sul poker. Essi tendono a fare molti errori nel post-flop, il che li porta ad avere uno scarso tasso di vincita.

E se invece iniziaste con un limp prima del flop, per poi giocare in maniera aggressiva nel post-flop? Un atteggiamento del genere potrebbe generare un bilancio positivo.

Certamente non avreste molte opportunità di rubare il piatto prima del flop, ma avreste comunque tre strade per provarci nel post-flop.

Dire che il limp è una pessima mossa perché impedisce di rubare i bui è come dire che non bisognerebbe mai floatare contro le c-bet sul flop perché non si hanno fold equity dirette.

La maggior parte dei giocatori sa che si tratta di un consiglio insensato, dal momento che spesso l’obiettivo di un float sul flop è quello di rubare il piatto sulle strade successive. L’aspettativa di vincita di una giocata può essere definita tramite l’intero albero post-flop che ne consegue, e non soltanto in base al fatto che la giocata vi possa far vincere direttamente.

Un piccolo gruppo di veterani delle partite online ad alti stakes ha preso consapevolezza di questo fatto. Essi stanno studiando strategie di open-limp da posizioni diverse rispetto all’SB: ancora non ci è dato sapere se in futuro si affermerà una tale tendenza. 

È però interessante notare che il completamento dell’SB è diventata una giocata popolare seguendo proprio un iter di questo tipo (come già detto, si tratta di una strategia mutuata dagli incontri ad alti stakes). 

I professionisti degli alti stakes godono inoltre del vantaggio di essere scambiati per giocatori occasionali. I loro avversari potrebbero quindi tentare gli iso-raise con un range troppo ampio, rendendosi vulnerabili ai limp-raise e alle giocate exploitative da parte dei professionisti.

Riepilogo: come sfruttare il limp nel poker

Ecco un breve sunto dei temi trattati in quest’articolo:

  • Innanzitutto occorre sottolineare come non sia sempre sbagliato limpare. In realtà, sembra che il limp nel pre-flop possa trovare diverse applicazioni strategiche.
  • In posizione di small blind dovreste cercare di difendere circa il 70% delle mani quando affrontate uno o più limper.
  • Considerate l’idea di completare l’SB se vi ritrovate testa a testa contro un avversario debole in posizione di BB. Così facendo, sfidereste comunque un giocatore più debole di voi, pur investendo una bassa somma.
  • I migliori giocatori sono in grado di pensare lateralmente e di riconoscere le situazioni nelle quali limpare o meno. 
  • Chiunque ritenga che il limp sia sempre una mossa sbagliata si priverà della possibilità di aggiungere uno strumento prezioso al proprio bagaglio di gioco.

Articolo pubblicato per la prima volta il 26/06/2018

Sull'autore
Di
Timothy "Ch0r0r0" Allin è un giocatore professionista, coach e autore. Ha iniziato a giocare nel 2006, partendo da zero e aumentando il suo bankroll online in maniera costante senza mai depositare alcun dollaro. Dopo aver partecipato (e vinto) ad alcune tra le manifestazioni più prestigiose, ora condivide le sue esperienze e opinioni sul magazine di 888poker.