Prima partita cash? Non farti prendere dall’ansia. Di solito i giocatori danno volentieri dei consigli se vedono che sei nuovo. Ma una buona comprensione delle regole ti servirà per diventare competitivo e, prima di iniziare a giocare, dovresti conoscere almeno i punti di questo elenco.

Online, molte delle complicazioni delle regole delle partite cash sono automatizzate. Giocando online è più importante conoscere alcune regole base dello showdown (ad es. cosa batte cosa) oltre a un po’ di strategia.

Quindi, prima di passare all’azione, ecco i 10 fondamentali da conoscere.

1. Entra o esci in ogni momento

Diversamente dai tornei, hai il lusso di poterti sedere o alzare dal tavolo in ogni momento. Puoi anche ricomprare fiches in qualsiasi momento fino al limite massimo di buy-in specificato dal tavolo.

Nella maggior parte dei giochi a soldi, però, non è consentito incassare una certa percentuale dello stack: è una violazione nota come ratholing.

2. Paga le puntate pre-flop obbligatorie

I blind sono pagamenti obbligatori effettuati dalle posizioni small-blind e big-blind prima della distribuzione delle carte. Perlomeno, è così che si fa nelle varianti più diffuse come no limit Hold’em e pot limit Omaha. Atri formati (come le varianti Stud), ad esempio, hanno gli ante al posto dei blind.

In ogni caso, ci sarà qualche pagamento iniziale obbligatorio da fare. Quindi, se giochi in un ambiente dal vivo, è buona regola seguire l’azione ed effettuare i tuoi pagamenti al momento giusto per evitare di rallentare il gioco.

Di solito, se ti siedi a un tavolo senza aspettare il tuo turno (ad es. non nel big-blind), devi pagare il buio (altrimenti riceveresti le carte gratis). Se non sai quanto puntare, chiedi al dealer.

3. Non fare string bet

 Nelle partite dal vivo, l’etichetta delle fiches è vitale e prevede, tra l’altro, che si facciano le puntate corrette, in silenzio o dichiarandole. Si parla di string bet quando dividiamo poco correttamente in due parti la nostra puntata. L’esempio classico di string bet è: “Vedo la tua puntata e… rilancio di altri 50”. Nei moderni giochi a soldi, la prima azione è sempre vincolante.

Nell’esempio precedente, il giocatore verrebbe costretto solo a vedere la puntata, in quanto è l’azione che ha annunciato per prima. Si può parlare di string bet anche per il modo in cui mettiamo le nostre fiches nel piatto. Le fiches devono essere messe nel piatto con un unico movimento (o annunciate prima a parole). Se invece le fiches venissero puntate in due mucchietti separati, soltanto il primo verrebbe considerato come importo corretto della puntata.

In caso di dubbi nel maneggiare le fiches, ti consigliamo di annunciare a parole tutte le decisioni. Se dichiari chiaramente, “Rilancio a 50”, allora puoi mettere in mezzo le tue fiches come vuoi.

4. Osserva l’etichetta per le stack di fiches

Non lanciare le fiches

Tra etichetta e infrazione delle regole le linea è sottile. Le fiches dovrebbero sempre essere impilate in ordine, con il valore maggiore nella parte anteriore dello stack. Quando le fiches più alte sono nascoste dietro a uno stack di fiches di valore inferiore, il tuo avversario potrebbe dedurre che sei meno ricco di quando effettivamente tu lo sia in realtà, e prendere una decisione impegnativa che non voleva prendere.

Dovresti anche evitare, ove possibile, lo “splashing the pot” (ad es. spargendo fiches ovunque). Le fiches devono restare impilate al momento di fare una grande puntata o di andare all-in. Ricorda: chiunque vince alla fine della mano dovrà re-impilare di nuovo le fiches, azione molto più semplice se queste non rotolano per il tavolo.

Non è una regola ferrea, ma splashare ripetutamente il piatto ti renderà impopolare e in alcuni casinò ti farà addirittura avere problemi con il personale.

5. Conosci le regole dello showdown

In molti casinò, il giocatore che ha rilanciato per ultimo deve mostrare per primo la propria mano. Ti consigliamo di fare vedere chiaramente la mano e di annunciarla, per evitare qualsiasi malinteso e/o temporeggiamento (va bene se preferisci non parlare, ma come minimo la mano dovrebbe essere chiaramente visibile al tavolo). Chi ha fatto l’ultimo rilancio ha quindi il lusso di fare “muck” o di scoprire la propria mano se vince allo showdown.

Nota che se la tua mano viene battuta, puoi anche non scoprirla. Puoi semplicemente dire ‘bella mano” e far scivolare le tue carte coperte verso il dealer. Quando si arriva allo showdown, tecnicamente i giocatori coinvolti hanno il diritto di vedere le mani buttate nel mucchio. Questa regola viene perlopiù ignorata in quanto è considerato maleducato vedere le carte gettate nel mucchio.

Esistono delle eccezioni, e queste si baseranno generalmente sulle dinamiche del tavolo. In ogni caso, non lo si dovrebbe chiedere spesso, e mai se non si è coinvolti direttamente.

6. Conosci la puntata minima e la puntata massima

Non tutti gli importi delle puntate sono corretti. Dipendono innanzitutto dalla struttura delle puntate; ad es. è una partita a limite fisso, pot-limit o no-limit? Devi come minimo assicurarti di essere a tuo agio nel calcolare pot size raise e puntate minime. Se non sai come calcolarle, finirai per chiedere in continuazione al dealer di farlo per te; cosa tecnicamente regolare, ma che rallenta l’azione ed è poco educata.

Sbagliare gli importi delle puntate (troppo alti o troppo bassi) potrebbe anche essere considerato un tentativo di angle shooting (anche se non è così).

7. Osserva le regole di re-buy

Nell’aggiungere fiches al tuo stack devi seguire alcune regole. Innanzitutto, devi comprare fiches dal dealer o alla cassa. Non puoi aggiungere allo stack delle fiches prese dalle tasche senza dirlo a nessuno (anche se quelle fiche sono assolutamente legali). Sarebbe scorretto verso gli altri giocatori al tavolo che potrebbero non rendersi conto che il tuo stack è notevolmente aumentato rispetto a 30 secondi prima.

Peggio ancora se cerchi di farlo durante la mano che stai giocando; tale comportamento potrebbe farti cacciare dal casinò. Non è corretto neanche passare fiches ai tuoi amici al tavolo; tutto deve passare attraverso canali ufficiali.

8. Conosci la variante

Le varianti

Ci saranno molte regole che sono esclusive alla variante che si sta giocando e non ai giochi a soldi in generale. Indipendentemente dalla variante che stai giocando, che sia Hold’em, Omaha, Stud o Draw, dovrai prima prenderti del tempo per imparare le regole. Anche se sicuramente gli altri giocatori al tavolo e il dealer saranno lieti di colmare le tue lacune, non è molto intelligente rischiare soldi in un gioco che non sai neanche come si svolge.

L’ignoranza delle regole può inoltre renderti impopolare. Se agisci sempre quando non è il tuo turno o fai puntate scorrette, potresti venire sospettato di fare angle-shooting (barare). Anche se molti giocatori riconosceranno che sei nuovo e in buona fede, non tutti saranno così pazienti al tavolo.

9. Sii sempre educato

Questa regola si applica sia alle partite dal vivo sia a quelle online. Scrivere oscenità nella chatbox o (peggio) urlarle quando si è seduti a un tavolo, può farti bandire. E anche se a volte tale comportamento può non venire controllato in una sala poker online, ogni tanto sarà comunque rilevato e porterà a penalizzazioni. Inoltre, prendersela con gli altri giocatori non servirà a migliorare il tuo win-rate e sicuramente neanche il tuo umore.

Esistono modi più salutari per manifestare le tue emozioni senza rischiare di metterti nei guai. Educazione vuol dire anche usare la lingua più comune al tavolo. Se al tavolo ci sono molti giocatori inglesi e tu vuoi chiacchierare in italiano con il tuo amico, è possibile che la cosa disturbi gli alti giocatori, perché semplicemente non sapranno se stai parlando del tempo o di come imbrogliare il resto del tavolo in collusione.

Questa regola si applica anche online (anche se saresti molto stupido a parlare di collusione nella chatbox in qualsiasi lingua). In ogni caso, si corre il rischio di fare arrabbiare gli altri giocatori.

10. Conosci le regole delle stakes al tavolo

Nonostante quello che si vede nei film, è contro le regole puntare più di quanto si ha effettivamente al momento nella propria stack. In altre parole, se nella tua stack hai $300, l’importo massimo che puoi puntare per la tua mano è $300.

Se hai $300 e il tuo avversario ha $200, l’importo massimo da puntare diventa allora $200. Anche se tecnicamente hai più di $200, il tuo avversario non può puntare di più, quindi la cifra diventa anche il tuo tetto massimo.

Sull'autore
Di
Timothy "Ch0r0r0" Allin è un giocatore professionista, coach e autore. Ha iniziato a giocare nel 2006, partendo da zero e aumentando il suo bankroll online in maniera costante senza mai depositare alcun dollaro. Dopo aver partecipato (e vinto) ad alcune tra le manifestazioni più prestigiose, ora condivide le sue esperienze e opinioni sul magazine di 888poker.