1. A-K

Questa mano rappresenta in gioco uno dei pericoli maggiori, può essere sottovalutata in preflop, e sopravvalutata in postflop.

Preflop

Generalmente si usa essere molto aggressivi quando si ha tra le mani un A-K prima del flop. Dopo tutto si tratta di una delle migliori tra le coppie di carte personali, anche se in definitiva non essendo di per sè un punto rappresenta in partita una sorta di testa o croce. La mano si potrebbe trovare in difficoltà contro un K-K (approssimativamente il 30% di vincere) e A-A (8-11% possibilità di vittoria). Rimane il fatto che nella gran parte delle situazioni durante un torneo, non faresti male a mettere nel piatto tutte le tue chip già in pre-flop.

Un errore comune che spesso commettono i giocatori, è quello di chiamare un re-raise con un A-K mettendo in gioco una buona parte dello stack – diciamo il 30% - per poi foldare successivamente. Ricorda che per la gran parte delle volte, circa un terzo di queste, nel migliore dei casi raggiungerai una coppia con il flop; quindi se intendi andare a giocare una mano forte con un A-K, avresti potuto molto spesso fare meglio con un all-in in preflop. Questo può sempre portare i tuoi avversari a foldare, e anche se questo non succede avrai modo di vedere tutte e cinque la carte che potranno darti la possibilità di migliorare la tua mano.

Postflop

La peggiore decisione da prendere è quella quando in mano hai una coppia alta. Il problema è che un buon giocatore non dovrebbe mai giocare un piatto importante contro di te con una mano inferiore. Immagina di avere A-K con un flop davanti comporto da a K-6-5 rainbow. Il tuo avversario scommette, tu fai un raise e il tuo opponenete un re-raise! Nella gran parte dei casi questo vuol dire che ti hanno battuto e tu dovresti quindi foldare. Contro giocatori aggresivi e scaltri, sempre bene rallentare il gioco con un misurato check-call.

Questo non vuol dire che devi pietrificarti ogni volta, se hai una coppia importante con un A-9-2 rainbow flop, e dopo con il turn e il river escono carte tranquille, dovresti scommettere ad ogni giro nel caso i tuoi avversari chiamino passivamente.

Sintesi

A-K è una mano molto forte, quindi sfrutta la sua forza in preflop e postflop se decidi di attaccare. 
 

2. K-Q

Queste sembrano due carte valide, ma possono trasformarsi in una mano velenosa se accompagnate ad un flop insidioso.

Pericolo principale

Giocare una coppia per un piatto importante ma evere la peggio.

Preflop

Per quanto K-Q sia una coppia di carte forte, potresti comunque trovarti nei guai contro mani dominanti. Per questa ragione devi ridurre al minimo i problemi potenziali badando bene di entrare in raising, specialmente se sei il primo a parlare. Potresti anche considerare la possibilità di effettuare un re-raise, soprattutto contro un giocatore aggressivo che ha aperto già parecchie mani.

Se il tuo raise è attaccato da un giocatore meno scaltro dovresti foldare perchè il linea di massima questo significa che potrebbero avere la meglio con Q-Q o A-K, o magarsi trovarsi leggeremente in vantaggio con una coppia in mano. In sostanza meglio non sbizzarrirsi troppo con una K-Q in mano. Il tuo vantaggio si perde in caso di mani come un suited connector, o perfino con una coppia. Raise o gioca solo se in heads up.

Postflop

Il vero pericolo per una combinazione come K-Q si annida nel flop. Certo, puoi sempre uscire dal gioco in assenza di carte che ti sostengano, ma se ottieni una coppia alta e un pò di azione intorno non è semplice capire quale sia la vera situazione che ti circonda. Diciamo che hai in mano un K-Q e nel flop esce Qs-10c-8c. Hai ottenuto una coppia alta e spesso questo significa avere anche la mano più alta. Quindi a norma di logica decidi di scommettere e uno dei tuoi avversari chiama. Poi dopo un turn neutro, questo fa un raise. Sei in vantaggio? Poco probabile. Un avversario scaltro potrebbe anche giocare nella speranza di ottenere un punto, ma nella gran parte delle situazioni potrai foldare o rilanciare, specialmente se al turn si completa una combinazione che non potrà essere migliorata.

Sintesi

K-Q è una mano forte che può far vincere allo showdown, ma mantieni basso il livello delle scommesse se hai solamente una coppia alta.
 

3. Asso - rag

Giocare un asso con una carta di sostegno bassa ti porterà nella gran parte dei casi a sperare in un piatto risicato.

Il maggior pericolo è dato proprio dal fatto che in mano hai un asso.

Preflop

Con Asso-rag si intende un A-9 o più basso non suited (o anche suited quando il flop esclude qualasiasi possibilità di colore). Non esiste un aggettivo adatto a descrivere quanto mani di questo tipo possono essere pericolose per il tuo profitto nel gioco a lungo termine. Il solo momento in cui hanno qualche valore è quando fai un all-in durante un torneo e sei corto di stack, oppure in una situazione short-handed o heads-up.

Postflop

Ace-rag è tuttavia da giocare. Il punto è che difficilmente potrai sapere se sei in testa, o in coda al momento dell’azione, per non parlare se nel flop esce il tuo kicker (per esempio se hai A-8 e nel flop esce Q-8-2). La maggior parte dei casi non avrai nessuna mano, e anche se ne incastrerai una non sarai in grado di sostenere nessun gioco rilevante o finirai lentamente fatto fuori da qualcuno con un asso migliore del tuo. Situazione che per dirla tutta non è affatto piacevole.

Sintesi

Molla gli assi peggiori.
 

4. Connettori suited

Mani insidiose richiedono un gioco solido nel post flop – non finire a secco.

Il pericolo maggiore è quello di pagare troppo in preflop e andare fuori gioco nel postflop.

Preflop

Connettori suited sono decisamente carte seducenti  – deliziose con quel tripudio di colore e forza di gioco che si portano dietro. Naturalmente possono essere un arma letale in una partita ad Holdem – Con il flop giusto puoi fare terra bruciata degli avversari che ti siedono intorno. Il vero problema è che chiudere il punto non  succede così spesso da rendere sempre consigliabile il loro gioco.

I pericoli nel preflop si annidano nella possibilità di investire troppi soldi, o chip giocandoli fuori posizione. Devi accettare che queste mani sono pretenziose in termini di gioco e non hanno particamente valore durante il preflop.

L’unico scopo che hai giocando carte di questi tipo, è quello di arrivare al flop e vedere cosa succeed. Per questa ragione meglio punatre al gioco solo se sei largo di chip. E mai entrare nella routine di giocarle per abitudine. Quindi se decidi di giocarle cerca di essere tu quello che controlla il gioco, evita un gioco indeciso e di puntare le tue emergie contro un giocatore specifico.

Considerato il fatto che la gran parte del tuo gioco avverrà nel postflop, cerca sempre di essere in posizione visto che caret del genere sono particolarmente difficili da giocare fuori posizione dopo il flop.

Postflop

Ci sono due problemi importanti con i connettori suited dopo il flop. Il primo è quando solo parte del flop è rilevante per il tuo gioco, quindi potresti anche non evere la mano migliore. Per esempio, stai giocando con 8c-7c e il flop è Jh-8d-5s e di fronte hai un solo avversario; potresti avere la mano migliore, ma allo stesso tempo potresti anche essere fatto fuori. La verità è che la tua mano non è così forte e devi tenere a mente che in origine hai giocato il connettore per ottenere una mano di ben altro calibro. Non rimanere vittima del tuo gioco, e in situazioni del genere valuta con attenzione se vale la pena inverstire troppe chip nel piatto.

Il secondo pericolo è particolarmente rischioso se sei fuori posizione; diciamo che stai giocando con 7d-6d e nel flop escono 10d-9s-2d e sei il primo a parlare. Sei di sicuro di fronte ad un flop invitante per te, ma se sei fuori posizione non sarà facile da giocare. Che cosa faresti in caso di re-raised? E se anche fai check o accetti il rilancio come ti comporterai se poi con il turn e il river non succede niente?

E infine esiste il pericolo che anche se incastri la tua scala, o il tuo colore puoi sempre essere battuto da un punto migliore.

Presi in considerazioni tutti questi fattori insiti nel gioco dei connettori suited quando sei in posizione, tieni sempre a mente di ottenere il massimo risultato dalle tue mosse. Stai giocando questo tipo di mani e il maggior pericolo si annida sempre nel pre flop, e spesso puoi limitare il pericolo eliminando avversari e aumentando l’aggressività nel gioco.

Sintesi

Hai in mano un buon potenziale, ma non strafare. 
 

5. J-J

Una coppia di jack sono tra le coppie migliori, ma possono essere messi a tacere in molti modi e da molte combinazioni con il flop.

Pericolo maggiore

Giocare un piatto importante quando non sei il migliore.

Preflop

Quando hai due Jack molto probabilmente sei in vantaggio durante il preflop – alla fine stiamo parlando della quarta mano in ordine di importanza in una partita ad Holdem. Quindi niente esitazioni, gioca con aggressività scommettendo e rilanciando in modo forte.

Questo è un buon consiglio, naturalmente finchè le cose ci sono favorevoli. Il problema con i Jack è che quando qualcun’altro mette in gioco tutte le sue chip e spesso può accadere che lo faccia perchè in mano ha qualcosa di meglio. Rimane una decisione complicata quando ci si confronta con qualcuno pronto a giocare in preflop gran parte se non tutto il suo stack. Questo è il momento di comprendere a fondo la situazione nel gioco.

Se sei corto di stack, nei Sit&Go o MTT, difficilemente potrai tirarti indietro. Ma se tanto te, che il tuo avversario siete ben messi a livello di stack, sia in un tavolo cash che in un MTT, potrebbe essere saggio per te fare un passo indietro.

Devi stare in guardia prima di chiamare un re-raise preflop con un J-J visto che ci sono solo alcuni tipi di flop che possono migliorare la tua mano. Se non decidi di confidare nelle probabilità di fare poker, è sempre meglio decidere il proprio gioco in preflop.

Postflop

Come accennato ci sono solo pochi flop che possono migliorare la tua mano. La gran parte delle volte inoltre, se c’è molta azione durante il flop potresti essere sotto scacco da una doppia coppia, un poker o una coppia più alta. In sostanza questo è il momento di utilizzare tutta la tua abilità nel leggere la mano e i giocatori che ti circondano. Se i tuoi Jack sono la coppia più alta sul tavolo il consiglio è di aumentare la pressione se un un giocatore che aveva rilanciato in preflop effettua una continuation bet.

In sostanza con J-J hai di sicuro in mano una combinazione valida, ma devi sempre e comunque seguire il tuo istinto e la capacità di leggere partita e avversari, la tua coppia infatti potrebbe sempre essere fatta fuori.
 

6. A-A

Le carte migliori in assoluto; una combinazione che è sempre un piacere e uno shock da scoprire, unica cosa meglio stare attenti a non farsele scoppiare tra le mani.

Il pericolo maggiore e non saper fare un passo indietro quando qualcuno ha in mano qualcosa di meglio. È importante sapere come giocare A-A.

Preflop

Hai in mano le migliori carte possibili in gioco, quindi è il momento migliore per investire chip – un bel pò di chip! Raise, re-raise, fa tutto quello che puoi per aumentare il piatto finchè sei in testa. Sentiti libero all’occorrenza di giocare in modo non lineare, aumentano e rallentando il ritmo, in ogni caso, giocare un A-A in modo veloce e aggressivo è generalmente la strategia migliore.

Postflop

Giocare gli assi in postflop può essere davvero difficile e puoi ritrovarti in una pessima situazione con loro. Il pericolo principale è quando un avversario ha giocato una mano come una coppia o un connettore suited ben sapendo che hai una mano forte. Se poi l’avversario chiude la sua mano con il flop allora si che sei nei guai. Per chiarire la situazione, rilanci quattro volte il big blind e un avversario chiama. Nel flop escono 5s-6d-7s e lui ti check-raises. Questa è una situazione pericolosa. Potresti essere fatto fuori da una doppia coppia, o da una scala, ma potrebbe anche essere che a sfidarti ci sia una coppia bassa. Contro un avversario attento e cauto potresti anche dover mollare i tuoi assi, mentre di fronte a qualcuno più esuberante potrebbe essere arrivato il momento di andare all’attacco.

Le cose sono molto più semplici quando c’è stata molta azione in preflop. Se un avversario ha chiamato un re-raise massiccio ti troverai spesso contro una coppia di J, 10. Se decidi di giocare e ti ritrovi in un piatto molto attivo, tieniti pronto a fare marcia indietro se il gioco si fa troppo caldo. Dopo tutto A-A è solo una coppia, non diventare un donkey che non è in grado di fare un passo indietro.

Sintesi

La migliore mano nell’Holdem deve essere giocata velocemente, ma tieniti pronto anche ad un passo indietro in determinate situazioni. 

 

Condividi:

Articoli Correlati
Le regole del muck

Le regole del muck

Grafici push/fold

Grafici push/fold

La guida definitiva allo showdown nel poker

La guida definitiva allo showdown nel poker

Sei segreti per arrivare prima al top nel Texas Hold'em!

Sei segreti per arrivare prima al top nel Texas Hold'em!

Una guida pratica per l’utilizzo dell’MDF nel poker

Una guida pratica per l’utilizzo dell’MDF nel poker

Le dieci regole fondamentali per le partite cash

Le dieci regole fondamentali per le partite cash

The Game: il massimo per conoscere il poker

The Game: il massimo per conoscere il poker

Come la deviazione standard influenza il tuo tasso di vincita

Come la deviazione standard influenza il tuo tasso di vincita

Combinazioni di mani nel poker

Combinazioni di mani nel poker

Come giocare e vincere a poker con le strategie exploitative

Come giocare e vincere a poker con le strategie exploitative